Vai al contenuto
  • Florestan
    Florestan

    Handel : Semele

    folder.jpg

    Handel : Semele
    Monteverdi Choir
    English Baroque Soloists
    Sir John Eliot Gardiner

    Soli Deo Gloria 2020, disponibile in formato CD e flac ad alta definizione sul sito SDG

    ***

    Nel 1983 con la medesima compagine, Sir John firmava la prima edizione dell'oratorio Semele di Handel.
    Ritorna sui suoi passi a distanza di ben 37 anni e dopo una stagione 2019 di concerti (tra cui a Santa Cecilia esattamente un anno fa) esce con questa nuova registrazione che su 3 DC o 68 file, propone una fresca rilettura di due ore e 35 minuti.
    Come sostenitore del Monteverdi Choir ho potuto acquistarla in anteprima perchè il disco sarà disponibile al pubblico solo il mese prossimo.

     

    Semele-allypally-poster(for-web)_357_500.jpg

    semele.jpg

    locandina_osf_scala_2019_def.jpg

    Il Semele ha una storia non del tutto originale tra le mille opere di Handel.

    E' in inglese perchè sul finire degli anni '30 del 700 i londinesi ne avevano le tasche piene dell'italiano e degli italiani.
    E Handel che leggeva le foglie di té corse ai ripari gradualmente passando alla lingua inglese e agli oratori.

    E' il periodo del ritorno al sacro che culminerà con l'Ode a Santa Cecilia e al Messiah.
    E ad una serie di oratori sacri che ebbero discreto successo.

    Ma Semele no. Perchè il pubblico si aspettava un'altra storia biblica mentre i personaggi di questo oratorio sono pagani e dei dell'Olimpo.
    Perchè il tema è di fondo erotico con accenni farseschi o buffi.
    La musica è impegnativa e benchè ricca di momenti lirici di grandissimo livello, manca dei voli del periodo d'oro di Handel dei decenni prima.

    Non è di fatto un oratorio con i suoi recitativi eleganti e non è un'opera con i suoi 13 interventi del coro.
    La si rappresentava sul palco, senza scene. Mentre avrebbe meritato scene fastose.

    La prima donna, La Francesina (di cui parliamo in altra recensione proprio oggi, casualità non troppo casuale) doveva certo avere grandi doti anche se certa critica tendeva a demolirla letteralmente (ma in verità non ne abbiamo prove) però non era una superstar come la Bordoni e la Cuzzoni.

    Morale il Semele non venne rappresentato più nemmeno da Handel e fu dimenticato fino al 1957 per una ripresa che lo ha piano piano rivalutato fino agli ultimi anni con una ricca rappresentazione che culmina con questa di Gardiner e le sue compagini.

    E' un'opera impegnativa come dicevo (io la considero un'opera, non un oratorio), la musica è estremamente raffinata. E Gardiner per me non è un vero operista ma più un fine cesellatore al servizio della musica.

    Insomma i pareri saranno contrastanti, almeno per chi la ascolta per la prima volta in disco e non era alla Scala o Santa Cecilia l'anno scoro.

    Ma è un disco di rara bellezza con momenti splendidi. Il garbo è quasi "francese" ma l'eloquio praticamente .... "italiano" tradotto in inglese.
    E nonostante le pronunce terribili di certe cantanti dei nomi mitologici, bello come il Sogno di Mezza Estate.

    Forse abbiamo altri edizioni a disposizione e interpretazioni di arie famose più ispirate nella voce (penso a Endless Pleasure di Semele e Wherev'er you walk di Jove che sono nei repertori di molti cantanti celebri).
    E forse una Francesina più suadente l'avremmo apprezzata. Un Giove più possente e severo, forse.

    Ma il complesso è sublime e ci sono momenti degni di Serse.

    Insomma, un disco prezioso, una scelta in più e un ritorno dell'ultimo più asciutto e ricercato Gardiner che apprezziamo moltissimo.

     

    Modificato da Florestan



    Feedback utente

    Commenti Raccomandati



    Partecipa alla conversazione

    Puoi pubblicare ora e registrarti più tardi. Se hai un account, accedi ora per pubblicarlo con il tuo account.

    Ospite
    Aggiungi un commento...

    ×   Hai incollato il contenuto con la formattazione.   Rimuovere la formattazione

      Sono consentiti solo 75 emoticon max.

    ×   Il tuo collegamento è stato incorporato automaticamente.   Mostra come un collegamento

    ×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Pulisci editor

    ×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Crea Nuovo...