Vai al contenuto
  • Florestan
    Florestan

    Bach : trios pour clavier et violon (Odile Edouard et Freddy Eichelberger -> violino e organo)

    xf9rvu0kchh2b_600.jpg

    Bach : trios pour clavier et violon
    Odile Edouard, violino
    Freddy Eichelberger, organo
    Encelade 2020, formato HD 96/24

    ***

    Le sonate per "strumento a tastiere" e violino fanno parte delle composizioni per strumenti solisti del felice periodo di Kothen.
    Ma nella realtà sono impostate per un trio, con lo strumento a tasti che sfrutta le due mani per fare due delle voci di basso, mentre il violino (o l'oboe o la viola) fa la parte alta.

    Noi siamo abituati ad ascoltare queste composizioni col cembalo o - purtroppo - con il pianoforte.
    Le due voci ci sono sempre ma sono più difficili da afferrare.

    In queste 2 ore e 50 minuti di registrazioni Freddy Eichelberger, consumato bachiano d'oltralpe, sfrutta il suo strumento d'elezione - l'organo - per quello che può dare : un basso più importante di quello di qualsiasi altra tastiera.

    Il connubio tra organo e violino non è nuovo, qui si pone la massima attenzione nell'amalgamare il suono, con una selezione di organi e di violini coerenti con quelli in uso ai tempi di Bach nella Germania Orientale.
    L'organo a due manuali più pedaliera, il violino d'intonazione teutonica.

    Dopo una fantasia e fuga di introduzione, si parte con la prima delle sonate.

     

    mikael-cozien-odile-edouard-et-freddy-eichelberger-2555789-1_orig.jpg

    il duo di questo disco che, nella pratica, suona ... in "trio"

    Le sei sonate si susseguono intervallate da corali per organo.
    A due a due con strumenti differenti, registrati nelle sedi degli organi, in Francia e in Svizzera, con il violino scelto per il suono di quell'organo.

    Nel programma, lunghissimo, sono state inserite anche una settimana sonata, in origine per viola, lo strumento preferito di Bach ed anche altre tre sonate per violino e basso continuo (quindi cembalo e violoncello) in puro stile italiano, che completano perfettamente la logica a tre voci del disco.

    A dispetto di quanto ci si aspetterebbe, anche nei movimenti brillanti e vivaci, l'organo, con registrazione positiva, non appesantisce la trama più di tanto, rispetto almeno a quanto siamo abituati ad ascoltare di solito.

    In ogni frase si apprezza l'amalgama all'unisono dei due solisti che vengono da un sodalizio trentennale.

    photos-du-concert-d-orgue-quot-freddy-eichelberger-improvise-quot-organise-a-l-eglise-de-charolles-le-4-juillet-images-proposees-par-les-amis-de-l-orgue-de-charolles-1530802811.jpg

    Un disco molto interessante per le scelte interpretative e per "l'arrangiamento" che resta assolutamente fedele e infine un approfondimento stilistico e compositivo di sonate celeberrime ascoltate centinaia di volte che qui appaiono nuove quasi come ascoltate la prima volta.

    Suono di gran classe senza una nota fuori posto.

    I miei complimenti.



    Feedback utente

    Commenti Raccomandati

    Non ci sono commenti da visualizzare.



    Partecipa alla conversazione

    Puoi pubblicare ora e registrarti più tardi. Se hai un account, accedi ora per pubblicarlo con il tuo account.

    Ospite
    Aggiungi un commento...

    ×   Hai incollato il contenuto con la formattazione.   Rimuovere la formattazione

      Sono consentiti solo 75 emoticon max.

    ×   Il tuo collegamento è stato incorporato automaticamente.   Mostra come un collegamento

    ×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Pulisci editor

    ×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Crea Nuovo...