Vai al contenuto
  • Florestan
    Florestan

    Giovanni Bellucci : Beethoven Concerti per pianoforte

    u3sh2chmggk3b_600.jpg

    Beethoven : i concerti per pianoforte e orchestra
    Giovanni Bellucci, pianoforte
    Sinfonie Orchester Biel Solothurn diretta da Kaspar Zehnder
    Calliope 2020

    Registrazioni dal vivo del 2015-2018 a Bienne, Svizzera, diffusione in formato 44/16
    Ascoltato via Qobuz e poi acquistato per la mia collezione

    ***

    Credo che Giovanni Bellucci sia un pianista di una statura tale che non ha rivali oggi, ovunque si guardi.
    Fa semplicemente classe a se, come Liszt e Busoni facevano ai loro tempi.

    Non ha la classe istrionica di Horowitz né l'ammaliante sensualità di Arthur Rubinstein.
    Nè le idiosincrasie di Glenn Gould.A parte una ritrosia per la registrazione classica.

    Ed è un peccato perchè ogni suo disco è un avvenimento, anche perchè le centellina a cadenze quinquennali.

    Ma se Liszt vivesse oggi e suonasse Beethoven, probabilmente non avrebbe spazio nemmeno lui dopo questa esibizione i cui fortunati presenti in sala da concerto (io non ho mai avuto modo di vedere Bellucci dal vivo) hanno avuto il privilegio di godere.

    Oltre ai cinque concerti qui abbiamo una scelta di cadenze e di code le più varie, riprese con l'orchestra nelle varie performance e in sessioni dedicate in studio (per le cadenze alternative).

    E ci sono cadenze che nemmeno conoscevo, a parte quelle di Beethoven e di Glenn Gould, di Reinecke, dello stesso Bellucci. Ma Berhard Stavenhagen per me è un assoluto sconosciuto,.

    E non ricordavo proprio cadenze di Brahms e di Fauré per questi concerti. Per non parlare di Busoni ...

    Giovanni Bellucci suona con una libertà di eloquio - non direi nemmeno tocco - che lascia senza parole.
    C'è lo stesso genio degli altri compositori nel suo modo di esprimersi.
    La facilità di cambio di passo, di tempo, di dinamica sono sconosciute.

    Ci sono, è vero, rare ottime interpretazioni di questi concerti, ne abbiamo ascoltate negli ultimi tempi.
    Ma sono interpretazioni ordinarie dopo questa ... lettura.

    Per taluni sarà spiazzante. Addirittura eretica. Ma siamo al monumentale, ad uno dei momenti più coinvolgenti del panorama discografico internazionale degli ultimi decenni.
    Non credo di parlare per iperboli. Chiunque ascolti queste pagine rilette da Bellucci capirà, anche se le troverà detestabili.

    Per me oltre che una illuminazione è stato trovare finalmente una alternativa alla mitica edizione di riferimento di Backhaus degli anni '60. Finalmente.

    L'orchestra è possente e Zehnder si pone sullo stesso piano del pianista con una visione assolutamente condivisa.
    Non c'è autoindulgenza e non è un semplice tributo.
    Beethoven stesso si sarebbe maravigliato di questa ... meraviglia.

    Disco dell'anno senza possibilità di confronto, secondo me.

    Registrazioni di ottimo livello con il pianoforte in evidenza ma l'orchestra mai in secondo piano. Un incontro, più che uno scontro, tra titani.
    Bellucci, il Busoni del 21° secolo che spero ci degni di ulteriori prove del suo immenso talento.

     

     

    Modificato da Florestan



    Feedback utente

    Commenti Raccomandati

    Bellucci gioca in un altro campionato. C'è veramente del genio nel suo modo di suonare questi concerti, ma il risultato può essere molto spiazzante o irritante per qualcuno. Io ho trovato eccessivi alcuni cambi di tempo, soprattutto nei primi concerti. L'effetto c'è, ma a volte è troppo inebriante e mi ritrovo un po' sperduto. In ogni caso sono dischi da ascoltare e riascoltare!

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti

    Nessuno é perfetto, però il maestro é un artista coi contro fiocchi.
    Ho appena finito di vedere su Rai5  " La tempesta" di Beethoven, nella trasmissione del 20/3  intitolata " La nota stonata", e devo per onestà aggiungere  che neppure Pollini era arrivato a questi traguardi di sensibilità e  di partecipazione all'evento musicale .
    Per la scelta dell'esecuzione dei tempi, ogni maestro  ha sempre una propria identità che in genere può essere diversa da un qualsiasi altro grande esecutore, ma la sostanza finale non cambia:
    Grande esecutore,. grande maestro.

    • Sono d'accordo 1

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti
    13 minuti fa, Franco ha scritto:

    [...]
    Grande esecutore,. grande maestro.

    Concordo. Peccato sia così "parco" nelle registrazioni discografiche.
    Dopo Liszt e Busoni in Italia non saprei chi mettere prima di lui, nella storia.

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti


    Partecipa alla conversazione

    Puoi pubblicare ora e registrarti più tardi. Se hai un account, accedi ora per pubblicarlo con il tuo account.

    Ospite
    Aggiungi un commento...

    ×   Hai incollato il contenuto con la formattazione.   Rimuovere la formattazione

      Sono consentiti solo 75 emoticon max.

    ×   Il tuo collegamento è stato incorporato automaticamente.   Mostra come un collegamento

    ×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Pulisci editor

    ×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Crea Nuovo...