Jump to content
  • Florestan
    Florestan

    Diana Tishchenko : Strangers in Paris

    front.jpg

    Strangers in PARadISe
    musiche di Ravel, Enescu, Ysaye, Prokofiev
    Diana Tishchenko, violino
    Zoltan Fejervari, pianoforte

    Warner Classics 2019, formato 96/24

    ***

    Non ancora trentenne, questo è il suo primo disco a quanto ne so io.
    L'ucraina Diana Tishchenko vanta però già una lunga carriera alle spalle, essendo stata violino concertatora della Orchestra Giovanile Europea Gustav Mahler e poi della Orchestra da Camera di Monaco.
    Ha partecipato a diversi concorsi internazionali vincendo il Mendelssohn nel 2017, l'Isaac Stern di Shanghai l'anno scorso, più diversi altri.
    Adesso è in stagione nelle principali sale europee dopo il debutto con il Primo Concerto di Shostakovich a Berlino.
     

    8766657211_c9eaf08232_b.jpg

    Suona un Camillus Camilli del 1731 prestatole da un fondazione tedesca.

    Il programma di questo disco - sorvoliamo sul titolo per nulla azzeccato di stranieri di passaggio a Parigi - è estremamente brillante.

    La celeberrima sonata n. 2 Op. 77 di Ravel con le sue atmosfere esotiche è condotta con piglio e personalità, ben coadiuvata dal pianista Feyérvàri.
    Di grande atmosfera la sonata n.3 di Enescu.
    Potente ma non troppo tenebrosa la Sonata n.1 Op. 80 di Prokofiev.
    In mezzo i quasi sette minuti di violino solo della Ballade di Ysaye

    SnapCrab_Gallery - Category Diana Tishchenko - Diana Tishchenko - Google Chrome_2019-11-3_11-10-33_No-00.jpg

    SnapCrab_Gallery - Category Diana Tishchenko - Diana Tishchenko - Google Chrome_2019-11-3_11-10-49_No-00.jpg

    SnapCrab_Gallery - Category Diana Tishchenko - Diana Tishchenko - Google Chrome_2019-11-3_11-11-52_No-00.jpg

    Tishchenko mostra personalità oltre a grandi doti tecniche e per nulla intimorita da un repertorio impegnativo come questo, quando per l'esordio avrebbe anche potuto scegliere una terna di concerti di Mozart.
    Ma guardando i programmi dei concerti che sta affrontando si capisce immediatamente quali siano le sue inclinazioni e che genere di musica nelle sue corde.

    E' un disco molto intenso, con un bel suono e una esecuzione che non si presta ad alcuna critica. Anzi.

    Bella prova e sono sicuro che il bello deve ancora venire : la terremo d'occhio :) sperando che non trascuri il disco come alcune sue colleghe.

    Registrazione fantastica, con un piano possente e un violino cristallino.
    Consigliatissimo.

    Edited by Florestan



    User Feedback

    Recommended Comments



    Join the conversation

    You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

    Guest
    Add a comment...

    ×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

      Only 75 emoji are allowed.

    ×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

    ×   Your previous content has been restored.   Clear editor

    ×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...