Jump to content
  • Florestan
    Florestan

    Lo Stradivari Toscano del 1690 (Fabio Biondi e il violino barocco italiano)

    cover.jpg

    The 1690 'Tuscan' Stradivari
    Sonate per violino del 18° secolo italiano
    Musiche di Veracini, Geminiani, Corelli, Tartini, Locatelli, Vivaldi
    Fabio Biondi, violino
    Antonio Fantinuoli, Giangiacomo Pinardi, Paola Poncet, accompagnamento

    Glossa 2019

    ***

    Questo è un disco celebrativo di uno dei più straordinari strumenti musicali che ci siano, quello Stradivari detto "Toscano" perchè appartenuto (in un quintetto di archi completo, composto da due violini, due viole e un violoncello) alla famiglia De Medici che lo commissionò alla bottega Stradivari nel 1690 per l'intrattenimento del Principe Ferdinando De Medici e della sua famiglia.
    E' attualmente di proprietà dell'Accademia di Santa Cecilia e più che altro fa mostra di se in bacheca e in mostre in giro per il mondo.

    Il che è un vero peccato perchè ha un suono meraviglioso che induce dipendenza, come si vede dallo stesso sguardo estasiato di Fabio Biondi nelle foto diffuse con questo bel disco tutto italiano

     

    8613_biondi_615222.png

    11956_20181009_0104_527151.jpg

    Lo Stradivari Toscano in una recente mostra a Tokyo è esposto nella bacheca centrale, in prima vista, insieme ad altri 21 confratelli

    Amati_detail_1a-320x213.jpg

    un dettaglio dello strumento

    Fabio-Biondi-Tuscan-Stradivari.jpg

    maxresdefault.jpg

    tuscan_front_800.jpg

    una riproduzione pittorica del violino. William Hill fu l'esperto londinese che lo recuperò dall'oblio (era finito in Irlanda e dimenticato) nel 1889 e lo classificò come uno dei migliori e meglio conservati Stradivari esistenti.

    Accompagnano Fabio Biondi in questo suo cimento strumentisti di grande levatura come Antonio Fantinuoli al violonvello

    03-29.03-Antonio-Fantinuoli-Janas-Ensemble-660x330.jpg

    DSC_0026.jpg

    Paola Poncet (qui al cembalo, insieme a Fabio Biondi)

    e Giangiacomo Pinardi alla tiorba

    Giangiacomo-Pinardi.png

     

    Il disco è stato - ovviamente - registrato a Roma, nel gennaio di quest'anno, all'Auditorium Parco della Musica, ripreso e prodotto da Fabio Framba.

    Ed è tutto italiano, tranne nelle note del libretto (scritte peraltro da un italiano), secondo me una svista imperdonabile che sarebbe costata pochissimo.
    Come se si potesse prendere quello che si vuole dal nostro patrimonio ma non ci si volesse rivolgere agli italiani nel proporlo ... diciamo che magari a me è capitato un disco non destinato anche al nostro mercato, giusto per quieto vivere ...

    A parte questo, ed assolto l'obbrligo verso lo straordinario violino, qui c'è la musica per cui questi strumenti fantastici sono stati concepiti.

    Il disco si apre con la Ciaccona della 12a sonata Op. 2 di Francesco Maria Veracini che a mio avviso è la più bella interpretazione di Fabio Biondi di tutta la sua carriera (c'è l'intera sonata già disponibile da decenni in disco) il che mi fa pensare che sarebbe stato forse meglio includere l'intera sonata che è originale e bellissima (inizia con una Passacaglia e finisce con una Ciaccona : e scusate se è poco).
    L'Op. 2 di Veracini è del 1744 e sembra concludere idealmente il periodo d'oro del violino italiano nella massima forma possibile.

    Ovviamente Veracini è il nome meno noto del repertorio proposto che prosegue altre proposte, alternate in tono minore e maggiore fino alla conclusiva sonata RV 34 di Vivaldi, la composizione meno originale del disco.

    Il virtuosismo necessario é qui sempre al servizio della musica, secondo me siamo ai massimi livelli esprimibili per la musica barocca italiana per una formazione che non teme rivali (ho ascoltato, purtroppo, dei Veracini e dei Locatelli alla tedesca o alla inglese, che non possono che conciliare il sonno).
    Quel violino incanta. Gli altri strumenti non sono da meno.

    Secondo me, il Museo di Santa Cecilia dovrebbe seriamente pensare di prestare permanentemente questo strumento - che merita di essere mantenuto vivo ogni giorno dell'anno per sempre - a Fabio Biondi.

    Se lo merita. E disco candidato a disco dell'anno, secondo me.

     

    Edited by Florestan



    User Feedback

    Recommended Comments

    Il suono di questo strumento è commovente da quanto è bello! Fabio Biondi gli rende assolutamente giustizia. E' un peccato che uno strumento del genere venga suonato così di rado...

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites


    Join the conversation

    You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

    Guest
    Add a comment...

    ×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

      Only 75 emoji are allowed.

    ×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

    ×   Your previous content has been restored.   Clear editor

    ×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...