Jump to content
  • Pinned
    Florestan
    Florestan

    Novità 2019

    Recensioni e impressioni rapide di dischi ascoltati durante il 2019.
    I dischi più meritevoli verranno recensiti approfonditamente a parte.

    cover.jpg

    Edited by Hannes



    User Feedback

    Recommended Comments



    095115214220.thumb.jpg.b753a1f10bcb34da8c929265ff3ae0b1.jpg

    Ivan Ilić plays Haydn
    Sinfonie n.92, 75, 44 trascritte per pianoforte da Carl David Stegmann
    Ivan Ilić, pianoforte
    Chandos 2019

    ***

    Curioso questo disco del pianista serbo-americano Ivan Ilić, che è venuto casualmente in possesso delle trascrizioni per pianoforte di alcune sinfonie di Haydn ad opera di un poco conosciuto musicista (tenore, tastierista, direttore, compositore) tedesco, Carl David Stegmann (1751-1826). Nel complesso il risultato è molto godibile, pur nei limiti che questo genere di trascrizioni può rappresentare.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Doomin_Kim_CD_Cover.thumb.jpg.a2da66f1432592fec48637785507057d.jpg

    Felix Mendelssohn:
    Capriccio, Op.5
    3 Fantasie, Op.16
    2 Klavierstücke, WoO 19
    6 Kinderstücke, Op. 72
    Rondò capriccioso, Op.14
    Variazioni, Op.82
    Fantasia, Op.28

    Doomin Kim, pianoforte

    Warner Classics 2019

    ***

    Sempre arduo ridare vita alle page pianistiche di Mendelssohn. Non riesce nel compito il pur talentuosissimo pianista coreano Doomin Kim (giovanissimo, ha solo 16 anni), qui al suo disco di debutto per Warner. Tutto ottimamente eseguito, per carità, ma l'ascolto si rivela presto faticoso. Lo aspettiamo al prossimo disco, sono certo che Warner gli darà altre possibilità.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    cover.jpg

    Bach : sonate per viola e cembalo
    Tamestit : Viola
    Masato Suzuki : cembalo
    Harmonia Mundi 2019, formato 96/24

    ***

    Normalmente sono eseguite al violoncello ma sono state composte per viola da gamba.

    Tamestit le riprende qui con la sua strepitosa viola Stradivari "Mahler" del 1672 che ha una musicalità che asseconda perfettamente l'indole di quello che è a mio avviso il più grande violista in circolazione.
    Lo accompagna Masato Suzuki con la stessa dolcezza, mostrando una sensibilità probabilmente più ricca anche di quella del grande padre Masaaki.

    Disco bellissimo con musica celestiale, consigliatissimo a tutti i barocchisti.
    Bach ne sarebbe orgoglioso.

    • Like 1

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    eld9x8uqtkijc_600.jpg.d3a3c56751145f128d401fc7a3a58cba.jpg

    Mendelssohn, Lieder ohne Worte (selezione).
    Grieg, Pezzi lirici (selezione)
    Denis Kozhukhin, pianoforte.
    Pentatone 2019

    ***

    Vincitore del concorso Queen Elisabeth nel 2010, il pianista russo Denis Kozhukhin suona una bella selezione dei Lieder senza parole di Mendelssohn e dei Pezzi lirici di Grieg. E' un repertorio che può piacere o meno, quello che è fuori discussione è la magia (!!) del suono di Kozhukhin e la creatività con la quale rilegge queste pagine. Consigliatissimo.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    cover.jpg

    Beethoven : Tutte le variazioni, le bagatelle e gli studi
    Ronald Brautigan, fortepiano
    Bis 2019, SACD o HD

    ***

    Seioree50minuti di integrale.
    Brautigan al fortepiano sembra Beethoven. Tocco leggero, quasi cembalistico.
    Ritmo, velocità, suono brillante. Fortissimi decisi.

    Bellissima raccolta. Devo dire che anche le Diabelli hanno il loro perchè al fortepiano :)

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    cover.jpg

    Concerto per oboe di Bach, sinfonie dalle cantate n. 12 e n. 21, A. Marcello : concerto per oboe
    Céline Moinet, oboe
    L'arte del mondo, Werner Ehrardt
    Berlin Classics 2019, formato 96/24

    ***

    Sono arcinoti e arcipubblicati.

    Ma qui l'interprete fa cantare lo strumento e lo fa con fioriture, improvvisazioni, virtuosismi che li rendono nuovi.
    Gran bel disco e probabilmente una delle più interessanti proposte su questo fronte.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    front.jpg

    Henry Purcell : Royal Welcome Songs. Volume II
    The Sixteen
    Coro 2019

    ***

    Esce il secondo volume della raccolta dedicata da The Sixteen alla musica di benvenuto per l'incoronazione del re Carlo II alla restaurazione dopo il periodo "repubblicano".
    Si tratta di musica varia, molto interessante - per i patiti del barocco inglese - eseguita con filologia assoluta da uno dei complessi più stimati del periodo oggi in attività.
    Il primo volume è stato pubblicato nel 2018.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    front.jpg

    Ravel Voyageur (le due sonate, tzigane, melodie popolari greche, ebraiche, habanera etc.).
    Nathalia e Maria Milstein
    Mirare 2019, 96/24

    ***

    Portano un cognome impegnativo le due sorelle francesi di origine russa Milstein. Nessuna parentela con il sommo Nathan, però.

    Il disco è interessante e certamente ricco di sfumature.
    Manca però in taluni momenti di quella passione e quel nerbo che si può provare ma non imparare.
    E anche nei cambi di ritmi, le migliori versioni di questa musica hanno maggiore dinamica.

    Registrazione di ottimo livello, senza eccessi.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    cover.jpg

    Bartòk : concerto per violino n.2, rapsodie per violino
    Baiba Skride, violino
    Orchestra WDR di Colonia diretta da Eivind Aadland
    Orfeo 2019, 96/24

    ***

    Baiba Skride è un'ottima violinista ma il suo suono è troppo dolce e melodico per Bartòk.
    In questo è assecondata dall'accompagnamento del tutto privo delle asprezze tipiche del magiaro.
    Il confronto con Tetzlaff del 2018 semplicemente non c'è.
    Ma devo dire che anche nel recente disco sul 1939, Fabiola Kim da una prova più personale e convincente del concerto n.2.

    Le rapsodie forse sono più intonate con la sensibilità di Baiba e il discorso si fa più coerente.

    Nel complesso non un disco memorabile, con il suo suono del violino un pò perso in un'atmosfera complessiva abbastanza scura (nel violino). Meglio le rapsodie anche nella ripresa.

     

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    cover.jpg

    Rachmaninov : Concerto per pianoforte e orchestra n.2
    Dong Hyek Lim
    BBC SO, Alexander Vedernikov

    Rachmaninov : Danze sinfoniche Op. 45 per due pianoforti
    Dong Hyek Lim e Martha Argerich

    Warner Classics 2019, 96/24

    ***

    E' stampato anche sulla cover del disco, il pezzo forte del disco sono le danze sinfoniche.
    Composizione che viene interpretata con forza smagliante dal duo.
    Dong Hyek Lim non deve essere semplicemente uno dei tanti "protegé" di nonna Martha perchè qui da una prova molto buona.

    Il concerto non è male. Ma si ascolta sempre volentieri a prescindere dall'interprete.
    Che qui comunque si fa apprezzare, molto.

    Orchestra nella media con direzione a passo lento.

    Bel disco, purtroppo registrato molto, troppo da vicino, con riverberi, rumori, echi, nelle casse dei pianoforti e un'orchestra per nulla a fuoco.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    cover.jpg

    Time & Eternity
    Patricia Kopatchinskaja
    Camerata Bern

    Alpha 2019

    ***

    Intuisco la portata di questo lavoro così come la lucida sensibilità di Patricia nel condurre questo tema "della morte e del perdono eterno" tra le epoche, cucendo insieme preghiere, canzoni popolari, brani liturgici e musica contemporanea (sostanzialmente da de Machaut a Frank Martin passando per Bach).

    Intuisco solo perchè è un disco che mi è particolarmente indigesto.

    Bellissime le trascrizioni per archi e quindi Santo Bach che intramezzato col resto ha l'effetto della Citrosodina Granulare :)
    Sappiate che l'ultimo corale della Johannes Passion si chiude con la campana (sommessa) a morto.

    Suono terso come d'uso per questa coraggiosa etichetta che si consegna mani e piedi al folletto verde che suona a piedi scalzi ;)

     

    Destinato ai fans e a chi lascia correre l'immaginazione senza farsi condizionare dal testo.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    034571282732.png.dc8f3208291c5afcf8f75e3e310b2832.png

    Chopin, Impromptus, waltzes & mazurkas.
    Pavel Kolesnikov, pianoforte.
    Hyperion, 2019

    ***

    Pavel Kolesnikov ritorna all'amato Chopin, con una selezione di improvvisi, valzer e mazurche e la Fantasia Op.49. Se da un lato colpisce ancora per la bella palette di timbri che riesce a estrarre dallo strumento e per l'affinità con questa musica, dall'altro sono rimasto sorpreso dai tempi piuttosto rilassati (soprattuto di valzer e mazurche). E' una questione di gusti personali, ma personalmente preferisco uno Chopin più energico. Rimane comunque un ottimo disco.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    61RV-69CKeL._SL1200_.thumb.jpg.70f99579d9cd2b3a7ee3df6a17db71f4.jpg

    Domenico Scarlatti, Sonate Vol.6.
    Pierre Hantaï, clavicembalo.
    Mirare, 2019.

    ***

    Segnalo l'uscita del sesto volume delle sonate di Domenico Scarlatti con il bravo Pierre Hantaï al clavicembalo. Per gli appassionati del genere.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    minwltq522i8b_600.jpg.5add83eaa204891877e6a8f99aa33942.jpg

    Prokofiev, sonata per violino e pianoforte Op.80 (trascrizione per violino, percussioni e orchestra d'archi).
    Sebastian Bohren, violino, Andrei Pushkarev, percussioni, Georgisches Kammerochester Ingolstadt.
    Sony Classical, 2019.

    ***

    Curiosa, ma convincente e affascinante, questa trascrizione per violino, percussioni e orchestra d'archi della sonata per violino e pianoforte di Prokofiev. L'arrangiamento, ad opera dello stesso Andrei Pushkarev, percussionnista nella Kremerata Baltica di Gidon Kremer, mette ancora più in evidenza il carattere cupo di questa composizione. Lascia un po' perplessi la durata dell'album, poco più di 30 minuti.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    folder.jpg

    Beethoven : Sinfonia n. 9
    Bach Collegium Japan
    Masaaki Suzuki

    BIS 2019, 96/24

    ***

    Antiretorica, sintetica, cameristica ... asciutta, anzi, un pò secca.

    Le note originali ci sono tutte ma sembra che ne manchino la metà.

    Stranissima con un volume così ridotto, abituato come sono a Furtwangler o a Karajan.

    Interessante ma non per tutti. Da ascoltare se volete provare un gusto alternativo.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    cover.jpg

    Schumann : Myrthen Op. 25
    Camilla Tilling, Christian Gerhaher, Gerold Huber

    Sony 2019

    ***

    Credo che Myrthen sia uno dei momenti più alti della capacità compositiva del giovane Schumann.
    E qui gli interpreti - tutti - e la registrazione, gli rendono piena giustizia.
    E' musica vivace e per nulla crepuscolare.

    Consigliatissimo, per quanto io non sia amante (per nulla) del lieder.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    m386w35ub96ba_600.jpg.5e3617ac378e019e1066ef1bcfb97c5f.jpg

    Rachmaninov: concerti per pianoforte e orchestra 1 e 3; Le campane Op.35 (trascr.Trifonov),  Vocalise Op.34 (trascr.Trifonov)
    Daniil Trifonov, pianoforte, Philadelphia Orchestra, Yannick Nézet-Séguin
    DG 2019

    ***

    Il pianista russo conclude il suo ciclo di concerti di Rachmaninov con la Philadelphia Orchestra e il direttore canadese Nézet-Seguin. Così come il disco precedente, anche questo fatica a convincerci pienamente. Trifonov è senza dubbio un pianista straordinario, ma queste interpretazioni stentano a prendere il volo. Molto bello invece l'arrangiamento delle Campane Op.35 dello stesso Trifonov. Dovrebbe essere solo un riempitivo in questo disco, ma a parere mio è diventato l'unico suo elemento di interesse.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites



    Join the conversation

    You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

    Guest
    Add a comment...

    ×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

      Only 75 emoji are allowed.

    ×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

    ×   Your previous content has been restored.   Clear editor

    ×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...