Jump to content
  • Florestan
    Florestan

    Prokofiev : Sonata per violino e orchestra Op. 80

    cover.jpg

    Prokofiev : Sonata per violino e orchestra Op. 80
    Sebastian Bohren, violino
    Andrei Pushkarev, percussioni
    Georgisches Kammerorchester Ingolstadt

    Sony, registrazione live del 2019, formato 96/24

    ***

    Accentuando i caratteri già drammatici e "sinfonici" del fantastico originale di Prokofiev, Andrei Pushkarev ha costruito una splendida, drammatica, sonata per violino e orchestra cui lui stesso mette gli accenti alle percussioni.

    Non è una operazione nuova, in precedenza la stessa operazione, con gli stessi interpreti è stata riservata alla sonata per viola di Shostakovich.
    Qui il materiale sonoro di base mi pare che abbia permesso risultati più notevoli.

    Il rinforzo di bassi profondi consente al violino di Bohren di fluttuare nell'aria, quasi ci fosse Nureyev che danza sulla grancassa del Romeo e Giulietta o della Bella Addormentata.

    La registrazione ad alta dinamica - live - di Sony è sensazionale, anzi in alcuni passaggi i bassi sono addirittura esagerati per un normale ascolto sonoro.
    Ma senza alcun accenno di impastamento della voce chiarissima del violino.

    Il tono complessivo è molto drammatico con rarissimi momenti di tregua al pathos.

    Una corsa travolgente conclude la sonata, nell'allegrissimo finale sempre con la puntualizzazione delle percussioni ad ogni passaggio.

    Una visione non comune di una composizione eccezionale. Non so cosa ne penserebbe Prokofiev se potesse ascoltare questa interpretazione originale eppure perfettamente rispettosa del testo.

    Io posso solo dire che l'ascolto è intenso ed estremamente coinvolgente.

    Gran bel disco, certamente da ricorda di questo 2019 ricchissimo di proposte discografiche, anche coraggiose.

    Edited by Florestan



    User Feedback

    Recommended Comments

    Un disco molto interessante. Nel complesso la trascrizione di Pushkarev è certamente convincente e coinvolgente, anche se personalmente trovo che a tratti lo spazio dato alle percussioni sia eccessivo.
    Se è vero poi che i dischi non si vendono a peso come il prosciutto, tuttavia 32 minuti di durata venduti a 15-16€ (in HD) sono un po' pochini.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites


    Join the conversation

    You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

    Guest
    Add a comment...

    ×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

      Only 75 emoji are allowed.

    ×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

    ×   Your previous content has been restored.   Clear editor

    ×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...