Jump to content
  • Florestan
    Florestan

    Rosanne Philippens : Insight

    folder.jpg

    Rosanne Philippens : Insight
    Composizioni di Biber, Bach, Enescu, Isaye e Improvvisazioni della violinista

    Channel Classics 2019

    ***

    Non é originalissima ma in questo caso è molto personale, l'idea del "viaggio musicale" adattando il repertorio alle terre che ospitano i singoli concerti.
    Evitando i luoghi della musica per suonare in mezzo alla gente dove generalmente si ascolta o si fa altro (un club alla moda, una biblioteca) e interloquire con un pubblico spesso non molto vicino alla musica classica, accettandone i feedback per modulare così l'esecuzione.

    Si spiega così un programma piuttosto eterogeneo che ha solo nel violino e nella violinista il punto di unione, influenzato - per l'appunto - dai luoghi visitati.
    Con improvvisazioni al violino che facciano da collante ad ogni ... salto temporale.

    L'interpretazione è complessivamente di buon livello, molto inclinata verso la danza, certamente partendo da Biber e Bach.

    Ma se il tono tziganeggiante della sarabanda e delle arie rumene di Enescu - a mio parere, peraltro, le cose più pregevoli del disco - è corretto, lo è forse meno la stessa intonazione nella "ballata" di Ysaye.
    E che dire della scelta di spezzare in due la meravigliosa Passacaglia di Biber ? Una delle poche composizione che realmente possono stare vicine alla ciaccona di Bach.

    Stesso discorso per la selezione dalla partita n.2 di Bach, inframmezzata da Enescu e farcita da due intermezzi della Philippens.
    Perchè ?

    Rosanne_Phillippens_by_jonas_sacks-1589.jpg

    _DSC8029-Edit-3.jpg

    maxresdefault.jpg

     

    insomma, probabilmente l'approccio ha avuto successo dal vivo (il progetto è attivo, molto più vasto del percorso esibito in questo disco, leggendo le note di copertina) ma in disco la cosa mi lascia del tutto freddo.

    Lei suona bene, purtroppo gli altri dischi disponibili della stessa interprete non me la fanno apprezzare a pieno perchè non è un repertorio che a me è molto familiare e per lo più i programmi sono anche la piuttosto fantasiosi.

    La registrazione di quelli però é del livello proprio di Chandos, cosa che non posso dire di questo che a volte appare chiaramente compresso da ambienti realmente inadatti alla musica per violino.

    Giudizio abbastanza negativo nel complesso, non me ne voglia Rosanne ...

    Edited by Florestan



    User Feedback

    Recommended Comments

    There are no comments to display.



    Join the conversation

    You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

    Guest
    Add a comment...

    ×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

      Only 75 emoji are allowed.

    ×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

    ×   Your previous content has been restored.   Clear editor

    ×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...