Jump to content
  • Florestan
    Florestan

    Vanessa Benelli Mosell : Maurice Ravel

    Cover.jpg

    Maurice Ravel
    Pavane pour une infante défunte, Concerto per pianoforte in Sol Maggiore, Sonatine M40, Le tombeau de Couperin
    Vanessa Benelli Mosell, pianoforte
    Royal Scottish Orchestra diretta da Carlo Miguel Prieto

    Decca 2019, formato 96/24

    ***

    Repertorio impegnativo ma assolutamente alla portata di Vanessa Benelli Mosell la cui tecnica virtuosistica ben si presta a qualunque partitura, anche se sappiamo la sua preferenza per la musica del '900.

    Se devo pronunciarmi in termini di preferenza, trovo splendida l'esecuzione della sonatine e di buona parte del Tombeau.
    La Pavane è estremamente sintetica, priva accenti melodrammatici, tali da lasciare solo tristezza.

    Ottimo il concerto, in particolare il secondo movimento.

     

    vanessa-benelli-mosell-inaugura-gli-incontri-musicali-2-620x298.jpg

    Vanessa-Benelli-Mosell-2019-fin-de-siecle-Metastasio.jpg

     

    Cosa dire nel complesso. Vanessa Benelli Mosell é un'ottima pianista.
    Suona divinamente e la sua lettura è totalmente coerente - almeno in questo programma - e attenta al testo.

    Dove trovo un limite è sul piano espressivo, inteso come capacità di coinvolgimento dell'ascoltatore.
    Non ho mai avuto la fortuna di ascoltarla dal vivo, c'è chi la definisce una pianista da palcoscenico e non ho alcuna ragione di non crederlo.

    Quello che manca in questo (e negli altri suoi dischi) è la capacità di andare oltre la perfezione formale e il gesto preciso.
    Qualcuno direbbe che non c'è molto sentimento o un guizzo di inventiva personale che giustifichi quello che resterà comunque un ottimo disco ma che vede queste pagine già ampiamente oggetto di discografia.

    Bisognerebbe riflettere su quanto resterà di questi anni in termini di rappresentazione discografica degli interpreti contemporanei e quanto queste registrazioni realmente offriranno alle successive generazioni.
    Ma è un discorso che va ben al di là della bravura di Vanessa.

    Che non è Beatrice ma ad averne di brave così.

    Edited by Florestan



    User Feedback

    Recommended Comments

    Sono sostanzialmente d'accordo con te. E' un buon disco (non andrei oltre), ma manca quell'impronta personale che alcuni grandi interpreti hanno saputo imprimere a queste pagine. Il confronto con Argerich, Perlemuter, François (senza andare a Cortot o Gieseking) risulterebbe difficile, ma anche in tempi più recenti Bavouzet e Chamayou hanno detto la loro.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites


    Join the conversation

    You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

    Guest
    Add a comment...

    ×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

      Only 75 emoji are allowed.

    ×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

    ×   Your previous content has been restored.   Clear editor

    ×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...