Jump to content
  • Florestan
    Florestan

    Mio Caro Handel, Simone Kermes

    cover.jpg

    Mio Caro Handel
    Simone Kermes, soprano
    Amici Veneziani
    Sony Classical 2019, formato 96/24

    ***

    La Kermes ha una bella voce, chiara e cristallina ed è specializzata nel canto barocco.
    Ha nel suo repertorio una lunga frequentazione con Handel.
    E in questo si spiega l'ennesimo disco di arie del "Caro Sassone".

    Purtroppo il disco non brilla nel suo complesso. La voce è un pò confusa, anzi un pò tutta la registrazione è priva di fuoco.
    E sinceramente quando sento declamare "vegetabili" al posto di "vegetabile", io che pur non sono un purista del bel canto, mi infastidisco un pò.
    In generale la Kermes va meglio nelle arie in tedesco e in inglese. Nella nostra lingua, abbiamo per fortuna di meglio.

    Mi piace l'idea delle letterine a Giorgio Federico scritte da Simone, attualizzate al giorno di oggi con tanto di citazioni di Youtube.
    Ma una tedesca avrebbe dovuto scrivere a Federico o a Fritz, senza usare il patronimico all'inglese ;)

    Nel complesso a mio modesto parere pur essendo una veterana di questo repertorio questa cantante si limita a sfruttare la sua indubbia bellissima voce, senza entrare nei personaggi con la giusta profondità. Il che sarebbe anche sufficiente al giorno d'oggi ma non per una cantante di questo profilo.

    Insomma, un disco che si fa ascoltare ma non più di altri. Lei è meglio in livrea bionda che rossa, se posso permettermi da suo coetaneo :)

    Segnalo che la Kermes aveva all'attivo già un disco registrato con la DHM nel 2002 su arie di Handel

    folder.jpg

     

     

    La Kermes parla della prima aria "Ombra mai fu" del nostro Bononcini.
    Ma ad Handel possiamo perdonare tutto, considerando il valore della sua musica e qui non siamo esattamente al plagio secondo i canoni dell'epoca.
    (In questa ripresa da "Colori d'amore" mi sembra più interessante la nostra soprano che nel nuovo disco Sony e posso capire che a lei piaccia di più, più nella sua indole, secondo me).

    Edited by Mauro Maratta



    User Feedback

    Recommended Comments

    Cercando nel mio archivio handeliano ho scovato questo disco del 2014, dedicato alle arie composte da Fritz per la Francesca Cuzzoni.
    Molto ma molto più godibile del nuovo Sony

    81Ij0VgMDyL.jpg

    back.jpg

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites


    Join the conversation

    You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

    Guest
    Add a comment...

    ×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

      Only 75 emoji are allowed.

    ×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

    ×   Your previous content has been restored.   Clear editor

    ×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...