Jump to content
  • bergat
    bergat

    RED ARMY CHOIR

    Non so cosa sapete del coro dell'armata Rossa. E' composto da sole voci maschili (anche se il 4 ottobre 2013, a Mosca, c'è stata una piccola eccezione con la partecipazione della giovane Valeria Kurnushkina, cantando Katjuša, con vestiti in versione femminili dei soldati sovietici, con tanto di cappello con lo stemma originale, con stella rossa e falce e martello.

    La prima volta che si esibirono fu il 12 ottobre 1928 al Frunze Club sotto la direzione di Aleksander Vasilyevič Aleksandrov, un giovane professore di musica del conservatorio di Mosca, successivamente noto per aver composto l'inno dell'Unione Sovietica.

     Il Coro dell'Armata Rossa inoltre diventò famoso per grazie anche ai canti propagandistici sovietici che eseguiva, parteciparono al coro inoltre, in quegli anni, alcuni famosi compositori: V. Solovyov-Sedoi, A. Novikov, Matvey Blanter, e B. Mokrousov.

     

    Durante la Seconda guerra mondiale il Coro effettuò oltre 1.500 spettacoli per intrattenere i soldati che dovevano andare in battaglia, negli ospedali e negli aeroporti militari

    Dopo la morte di Aleksandrov nel 1946, suo figlio Boris Aleksandrovič Aleksandrov prese il suo posto come direttore musicale del Coro. Fece intraprendere al coro un tour mondiale prima di ritirarsi totalmente nel 1987. Gli succedette Igor Agafonnikov lo stesso anno.Quest'ultimo si ritirò nel 1994 e gli succedette Viktor Fёdorov già Maestro Direttore del Coro dal 1986. Dal 2003 il direttore del coro è Vjačeslav Korobko.

    Nel 1991 il Coro dell'Armata Rossa partecipò al concerto di Roger Waters The Wall che celebrava la caduta del muro di Berlino. In quell'occasione il Coro eseguì una canzone contro la guerra: Bring the boys back home (Riporta i ragazzi a casa).

    Il 25 dicembre 2016 un Tu-154 dell'esercito russo con 92 persone a bordo tra cui 60 membri del coro (compreso il direttore artistico Valery Khalilov) diretti verso la Siria per tenere una serie di concerti in occasione del Natale per le truppe russe di stanza nel paese precipitò nel Mar Nero pochi minuti dopo il decollo dall'aeroporto di Sochi: a bordo vi erano anche vari membri dello staff tecnico, nove giornalisti della televisione nazionale russa, il capo della polizia militare Vladimir Ivanovsky, il responsabile del dipartimento culturale del ministero della Difesa Anton Gubankov, l'attivista Elizaveta Glinka e otto membri dell'equipaggio. Tutte le persone a bordo perirono nella tragedia

    Il 27 dicembre 2016, il ministro russo di difesa, generale Sergei Shoigu, ha dichiarato la necessità di ripristinare la squadra il più presto possibile . Per preservare l'ensemble, nel gennaio-febbraio 2017 il Dipartimento di Cultura del Ministero della Difesa della Russia ha tenuto un concorso per la sostituzione di solisti, coro e artisti di balletto. In meno di due mesi è stato restaurato il numero del personale del gruppo - 285 persone.

    In questo album che vi propongo ci sono le loro migliori canzoni su due CD, registrati molto bene e con elevata dinamica.,e risale a prima dell'incidente aereo. Ha quindi un valore anche storico.

    L'ascolto di alcuni brani è da  pelle d'oca come l'inno nazionale russo che apre uno dei CD. Mai sentita tanta veemenza di rappresentazione e tanto slancio. Un vero godimento per le orecchie. Ci sono diversi brani di autori sinfonici russi, come è possibile trovare Bella ciao. Ben riprodotta, ma se sapessero cosa sono i comunisti italiani, forse, non l'avrebbero inserita. Oggi la russia di Putin è più vicina alle idee di Salvini che a quelle del PD italiano.

    folder.jpg.6eaa4068f0375c257661f2a8f2765d11.jpg

    Godiamoci quindi ballate come Kalinka, Notti a Mosca, Occhi scuri, Galoppo della troika, il mio paese, e tutte le altre. Buon ascolto



    User Feedback

    Recommended Comments

    Sinceramente a me è venuta la pelle d'oca anche sentendo l'inno nazionale russo cantato prima della partenza del Gran Premio di Sochi domenica scorsa.

    E' tutta musica che viene da lontano, dal cuore e parla al cuore (e non solo dei russi !).

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites


    Join the conversation

    You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

    Guest
    Add a comment...

    ×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

      Only 75 emoji are allowed.

    ×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

    ×   Your previous content has been restored.   Clear editor

    ×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...