Jump to content
Nicola

Per iniziare

Recommended Posts

Cari amici, eccomi con richeste di consigli per un set da viaggio per l’ascolto di musica. Ho curiosato un po’ qua e là ma non ho idee chiare. 

Averei visto:

  1. Fiio M9 (la memoria espandibile con scheda micro sd immagino sia indispensabile; segnalano una capacità max di 1 tera ma io ne ho viste fino a 256 Gb…); vedo che l’aggeggio si può collegare anche via Wireless o Bluthoth che consente teoricamente di non aver bisogno di memorie, rete permettendo. Ma probabilemnte risulta comodo avere i brani memorizzati. Giusto?
  2. cuffie HFiman  Sundara o le  He 400i, stesso produttore. Queste ultime però sembrano acquistabili solo da Usa e Canada. Vi risulta?

Ho letto la prova sulla Sundara: il lettore portatile indicato è in grado di pilotare efficacemente questo tipo di cuffie?

La capacità di memoria espandibile è un requisito fondamentale? Cioè più capacità meglio è?

Mi rendo conto che ho poche conoscenze e il rischio di andar fuori strada (cioè di un acquisto a vanvera) è elevato. 

Vi ringrazio...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao Nicola,

ci devi prima convincere che ti serve effettivamente una soluzione portatile.
Perchè se invece l'esigenza è di avere solo una cosa poco ingombrante, il DAP è scomodissimo da usare in termini di ricerca dei brani e interazione ... a via di pollici.

Sul wi-fi e il wireless sinceramente io sorvolerei se non assolutamente necessario. Keep it simple.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mah.. che riesca a convincervi non lo so… Mi piaceva l’idea di pèoter ascoltare la musica anche fuori di casa, magari in riva ad un fuime, in mezzo a un prato, ovunque il luogo si presti. Ma se "la fatica è più del gusto” come si dice,  forse è un desiderio che può essere anche accantonato. Ho poco spazio in casa quello si,  e non saprei dove collocare altri “impianti”. Sono aperto comunque ad altre alternative "non da viaggio”  a patto che l’ingombro sia minimale.

 La soluzione  che hai già proposto a Max (DAP FiiO X3 Mk III o altro modello ) potrebbe andare bene  o ricadiamo nel problema delle difficile selezione dei brani ? Nel caso la dock station si prende a parte o è incusa con il lettore? 

 

 

Ok ho visto che la dock si prende a parte. Si  può collegarla   eventualmente ad un mac e superare così il problema della selezione con le dita? 

Edited by Nicola

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bene, vediamo le due possibili soluzioni con PRO e CONTRO, secondo noi :)

PORTATILE

DAP tipo Fiio X3 Mk III o X5 Mk III

575906.jpg

89603.jpg

la differenza tra i due è abbastanza importante, anche sul piano delle memorie. Lo è anche il prezzo.

entrambi offrono una soluzione completa di storage (che comunque va replicata altrove, tipo sul pc o un hard disk separato. In ogni caso il pc è indispensabile per caricare le memorie del DAP), lettore, ingresso cuffia e linea.

La possibilità della cocking station allarga la visuale e l'operatività (in fondo bastano un paio di diffusori attivi da tavolo, mica c'è bisogno di due torri JBL).
 

Ma il senso è principalmente quello dell'utilizzo in viaggio perchè in casa ci sono sempre soluzioni più flessibili, potenti e sonoramente superiori. Con buona pace della miniaturizzazione di questi dispositivi.

Sul discorso spazio di memoria.

Un CD in formato 44/16 occupa circa 300 megabyte. Un CD in formato HD 96/24, circa 1 gigabyte. Che ovviamente si moltiplicano per opere multidisco (una integrale di Shostakovich in 96/24 pesa 6.7 gigabyte da sola).
Sinceramente anche con gli attuali limiti elevati (per l'X5) di memorie integrate (micro-SD : oggetti lentissimi da scrivere) io non vedo la possibilità di immagazzinare dentro al DAP altro che la compilation da viaggio da aggiornare di quando in quando. Ma questa dovrebbe essere un sottoinsieme di quella principale, a casa, nel PC. Anche perchè nel tempo tende a raggiungere dimensioni importanti e in ogni caso si deve fare il backup periodico.

CUFFIE

Le versioni di fascia alta di questi DAP (ce ne sono anche da 1000 e più euro : prezzi folli, secondo me, a prescindere dalle prestazioni) hanno amplificatori integrati di qualità.
Ma mai avvicinabili a quelli degli amplificatori da tavolo.

Per questa ragione io non andrei a spendere milioni per le cuffie da usare per un sistema portatile che, peraltro, per essere portatili, dovranno essere di quelle pieghevoli, non grandi da richiedere una scatola solo per loro ... (!), con tutti i compromessi del caso.

Quindi non spenderei oltre i 2-300 euro ma anche meno ...

Share this post


Link to post
Share on other sites

DA TAVOLO

Il sistema minimo richiede.

- un personal computer (windows o mac poco importa ... ma il primo offre più possibilità di software); non serve che sia dell'ultima generazione o potentissimo, serve che non sia intasato di software sempre in azione
- un lettore software (noi usiamo JRiver, disponibile anche per Mac)
- un DAC USB con amplificatore per cuffi (ed eventualmente preamplificatore linea)
- delle cuffie

restando nei limiti di spesa da te indicati ed ammettendo di avere già un computer adatto, JRiver, oramai alla versione 25 (a testimonianza del fatto che è longevo e sempre aggiornato) costa circa 30 dollari (solo online, ovviamente).

Resta il DAC.
Ce ne sono tanti in commercio.
In casa Audio-GD una soluzione da 350 dollari (si compra da Audiophonics.fr di Bordeaux) é questa :

N112801s.jpg

ovviamente offre solo uscita sbilanciata ma è già un discreto apparecchio (io ho la versione precedente con l'ES9018; non la uso più ... quindi a disposizione di un eventuale acquirente).

Oltre al costo ha il vantaggio di essere una cosa di 2 chilogrammi (compreso l'imballo), consuma 12 W, è grande 22cm x 18 cm per 5.5 cm compresi i piedini.

Non è adatto a pilotare eventuali cuffie "dure" ad alta impedenza.

LE CUFFIE

Io andrei sulle HIFIMAN HE400i V2 (le ho comprate direttamente da loro in Cina per Natale, spedizione con DHL in tre giorni, 200 euro tutto compreso) ma sono un modello di 4 anni fa.
Le Sundara sono il modello più aggiornato ma a mio avviso da spedere al massimo 349 euro (che era il prezzo in promozione fino a metà marzo).

In alternativa sul dinamico, Sennheiser HD600 o HD660s, AKG K712Pro che trovi su Amazon.it tranquillamente e che puoi restituire se non ti piacciono ...

 

Quel DAC e quelle cuffie sono la scelta minima. A salire (con il budget) si sale ovviamente di prestazioni a piacere. Ma per cominciare è già un buon punto di partenza.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dove sta la differenza essenziale sul piano operativo tra le due soluzioni ?

Portatile è sempre un compromesso.
Fisso è sempre possibile evolvere.

Ma principalmente è il front-end.
Questa è la faccia del mio JRiver (ancora in versione 23) :

SnapCrab_JRiver Media Center 23_2019-4-13_9-59-14_No-00.jpg

che gestisce milioni di file (precisamente 11.3 terabyte tra audio e video ... perchè ha anche una completa parte video), di ogni formato, con ricerca istantanea, possibilità di differenti visualizzazioni, prestazioni audio assolute (a 64 bit) e anche oltre con funzioni sofisticate (la famosa equalizzazione di cui abbiamo parlato).
Ma soprattutto è comodo a portata di mouse, di tastiera, su una libreria che è analoga a quella di Ligthroom per le foto che non è vincolata da micro-SD rachitiche ma che può risiedere su hard-disk dedicati con tanto di backup.

 

Questa è la faccia del Fiio X5 Mk III

 

maxresdefault.jpg

Per altre domande, siamo qui :)

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

A mio avviso i limiti del DAP, almeno di quello che ho io, stanno nelle micro-SD (lente in scrittura, possono dare problemi in lettura, si rompono (io ne sto buttando una)) e nel firmware, non sempre stabile, la ricerca di brani e dischi non è particolarmente agevole, etc. Sono oggetti che vanno bene da portarsi dietro in viaggio e per un numero non troppo alto di dischi.

Per casa molto meglio la soluzione PC+DAC/ampli cuffia.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie Florestan, migliore risposta non poteva esserci. E grazie anche a te Eusebius. Ora approfondisco gli argomenti che avete esposto e poi ci risentiamo con le mie considerazioni non solo inerenti alla scelta ma anche dei componenti della soluzione preferita.

Credo che le indicazioni che avete espresso siano molto utili anche ad altri che come me si avvicinano al nuovo mondo della riproduzione musicale per scelte consapevoli. 

  • Haha 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
On 4/19/2019 at 12:29 PM, Eusebius said:

Nicola, per te: 

 

Si, grazie, l’ho appena letto. E,  associato a quello che hai scritto circa la soluzione “fissa”,  completa il quadro (grazie Eusebius!). Ora ho compreso le possibilità che ho e non resta che passare all’attuazione… Ultima cosa: i files  musica con il campionamento adeguato sono reperibili on line,  vero? Come una sorta di iTunes, se non erro. Potreste indicarmente alcuni? O ci sono altre strade? TKS,

Nicola

Edited by Nicola

Share this post


Link to post
Share on other sites

La musica in formato non compresso (il formato più comune è il FLAC) e in HD non è reperibile sulle piattaforme più diffuse (iTunes, Spotify, mentre su Tidal mi pare ci sia), ma la puoi trovare su alcuni siti che puntano invece sull'alta qualità audio, come Qobuz e Highresaudio, che sono delle piattaforme generaliste con un ampio catalogo che permettono sia il download che lo streaming in HD. 
Ci sono poi alcuni store specializzati in musica classica, come Prestomusic o eClassical.
Diciamo che l'offerta di musica liquida non manca, anche perché il mercato dei cd è ormai agonizzante.

La tendenza che si sta affermando è quella dello streaming, dove, a fronte di un abbonamento, si può accedere a tutto il catalogo per tutta la durata dell'abbonamento. Io preferisco ancora comprare e scaricare il singolo disco, un po' perché quello che compro rimane mio, un po' perché i cataloghi che offrono i vari Qobuz e Highresaudio sono ampi, ma non completi al 100% (dipende dagli accordi che fanno con le case discografiche), per cui dovrei sottoscrivere più abbonamenti.

Se hai altre domande, sai dove trovarci 😉

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Nicola tieni anche in considerazione - non so se tu ne abbia in casa - che si possono portare su hard-disk i CD originali utilizzando programmi di estrazione (o lo stesso JRiver).

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si, ho un centinaio di CD già convertiti in AAC mp4 a 320 con iTunes. Ma credo che andrebbero ti convertiti perché il formato FLAC è migliore. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Scusate se continuo con le domande…: Come si fa a codificare in FLAC un cd? lo si può fare con Jriver? Io ho provato ad estrarre le tracce di un cd e la codifica di Jriver è uguale a quella di apple lossess ( 866 kbs a 44,1 kHz)

Quindi quando   codifico un cd al rate  massimo  possibile,    che lo faccia con itunes  (Apple lossless) o Jriver è la stessa cosa o ci sono altre differenze che io non colgo / non so?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao Nicola, tra le opzioni c'è modo di inserire il tipo di conversione che vuoi ottenere in JRiver (in questo momento non c'è l'ho davanti e non posso mostrarti le schermate).
Probabilmente di default è indicato mp3 ma ovviamente noi preferiamo il FLAC (che è un formato compresso tipo ZIP ma senza perdita di informazioni : in pratica l'occupazione di spazio su disco sarà circa la metà di quella del CD originale).

Share this post


Link to post
Share on other sites

Apple lossless (o ALAC) e FLAC sono equivalenti: sono entrambi dei formati compressi senza perdita di informazioni, cambia solo l'algoritmo usato. Se non ricordo male, però, probabilmente il formato Apple occupa un po' più di spazio rispetto al FLAC. 

Fai attenzione, perché iTunes non legge i FLAC, pur essendo un formato molto più diffuso rispetto a quello Apple.

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 hour ago, Florestan said:

Ciao Nicola, tra le opzioni c'è modo di inserire il tipo di conversione che vuoi ottenere in JRiver (in questo momento non c'è l'ho davanti e non posso mostrarti le schermate).
Probabilmente di default è indicato mp3 ma ovviamente noi preferiamo il FLAC (che è un formato compresso tipo ZIP ma senza perdita di informazioni : in pratica l'occupazione di spazio su disco sarà circa la metà di quella del CD originale).

Ok, grazie,  ho visto la schermata per l'importazione file ma non quella delle opzioni della stessa. Cerco.

1 hour ago, Eusebius said:

Apple lossless (o ALAC) e FLAC sono equivalenti: sono entrambi dei formati compressi senza perdita di informazioni, cambia solo l'algoritmo usato. Se non ricordo male, però, probabilmente il formato Apple occupa un po' più di spazio rispetto al FLAC. 

Fai attenzione, perché iTunes non legge i FLAC, pur essendo un formato molto più diffuso rispetto a quello Apple.

Lo supponevo ma non ne ero certo. Grazie per il warning su iTunes:  Apple è nota per la sua permeabilità 😂

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...